La sorella perduta di Kate Furnivall




Ho scoperto questo libricino in casa, cercando ispirazione nella libreria per soddisfare una task di lettura “autore con cognome che inizia per F” del mio gruppo di lettura Lo Scaffale Tematico. Dalla trama mi ha preso subito e in poco tempo non sono più riuscita ad appoggiare il libro. 


La sorella perduta di Kate Furnivall

Siamo in Francia, nel 1938. Romaine, per tutti Romy, è una ragazza di 25 anni tormentata da un evento successo 8 anni prima nello studio di suo padre: lo ha ucciso con un tagliacarte. Romy non ricorda niente e solo grazie alla gemella Florence si è risparmiata la ghigliottina, ma al suo posto ha condannato il giardiniere, un uomo buono che si tiene sulla coscienza.

Mentre lei viaggia come aviatrice tra la Francia e la Spagna, la gemella Florence non si è spostata da Parigi, vivendo con il marito e la figlia Chloé in un bellissimo appartamento che trasuda potere. La Guerra è alle porte, ma solo Romy e il suo gruppo rivoluzionario sono preoccupati della cosa: Florence e il marito sono convinti che con i giusti accordi impediranno a Hitler di invadere la Francia, evitando quindi uno scontro bellico.

Ma come si affrontano i problemi del presente se non si è in pace col passato? Romy non ricorda niente di quella notte nello studio di suo padre, una voragine nera che la tormenta ogni notte, anche quando si butta sul sesso e sull’alcol per non sognare. Ma bastano poche voci, in tedesco, a smuovere qualcosa nei suoi ricordi. Non era sola. Cosa è successo davvero quel giorno?


La sorella perduta di Kate Furnivall

Un ottimo romanzo storico ricco di mistero che ti terrà incollato alle pagine. Nella tensione del 1938, con la Seconda Guerra Mondiale alle porte e la Guerra Civile Spagnola in corso, l’autrice ha messo insieme un thriller emozionante ricco di suspence e di mistero. Cos’ha fatto Romy? Cosa le successe otto anni prima? Domande che crescono insieme a quei miseri ricordi che ritornano in mente alla protagonista, con lei vivrai le angosce e i tormenti per scoprire la verità.

Florence, invece, è difficile da comprendere all’inizio. Non sembra essere affezionata alla sorella, quasi la disprezza. Anzi, sembra gelosa del rapporto che ha con la figlia Chloé, la quale stravede per la tante Romy. Meticolosa, calcolatrice, vuole lasciare il passato alle spalle e soffoca sul nascere tutti i tentativi della sorella di riprendere i discorsi per capire la verità. 

Le tensioni delle gemelle vengono fuori in un contesto storico molto particolare: Hitler ha annesso al suo Reich l’Austria e minaccia di invadere anche la Polonia. Le menti sono divise, da chi condivide gli ideali del Fuhrer e chi li condanna e vuole combattere il suo potere. Intanto, Franco annienta i ribelli in Catalogna che ancora resistono al suo dominio totalitario. Romy fa parte della resistenza e sfrutta le sue grandi doti di aviatrice per mandare soccorsi, cibo e rifornimenti. Questo, però, non le rende la vita facile, perché ci sono spie troppo vicine a lei che la mettono in pericolo.


La sorella perduta di Kate Furnivall

La lettura è scorrevole, così tanto che non ti renderai conto di essere arrivata a metà libro! Gli intrighi e i misteri ti terranno col fiat sospeso e non avrai le forze di appoggiare il libro. Si avverte la tensione del tempo, la paura di uno scontro bellico dopo essere usciti da pochi anni da quello precedente. Si avverte la forza di voler sottostare al potere di uno, il sostegno alla libertà e la difesa di tutti i cittadini.

Si avverte cosa vuol dire avere un animo tormentato. Romy è logorata dall’aver condannato un uomo innocente, dall’aver ucciso un uomo, suo padre. Da sempre ha voluto intraprendere la strada da aviatrice, ma ora è diventata la sua via di fuga. Quando è sulle nuvole, non ha pensieri per la testa, è libera. Non vuole tornare coi piedi per terra, dove ci sono i problemi, le preoccupazioni. Ha passato gli ultimi 8 anni cercando di fuggire dai ricordi, attaccandosi all’alcol o a sconosciuti infilandosi nei loro letti.

Era da tanto che non leggevo un romanzo così entusiasmante, coinvolgente e ricco di suspence. Mi ha preso tantissimo e infatti in poco tempo me lo sono mangiato. Kate Furnivall è una brava scrittrice, ricorda molto Lucinda Riley o Dinah Jefferies. Davvero un romanzo consigliato, ottimo per estraniarsi dalla vita di tutti i giorni: appena lo inizierete non uscirete più dalla Francia del 1938.


* Acquista il libro cliccando sui link, io riceverò un piccolo compenso SENZA nessuna spesa da parte tua!


La sorella perduta di Kate Furnivall
Editore: Piemme
Traduttore: Cristina Ingiardi
Uscita: 16 Aprile 2019
Ambientazione: Parigi, 1938
Genere: Romanzo storico
Pagine: 416

Parigi, 1930. Romaine Duchamps si ritrova da sola in una stanza, con il padre morente riverso sul pavimento, e le mani sporche del suo sangue. Non ha idea di cosa sia successo. Saranno le bugie della sorella gemella Florence, poco dopo, a salvarla dalle accuse e dalla ghigliottina.
Otto anni più tardi, Romaine, passionale e irrequieta, vive una vita di viaggi e amori tra le spiagge mediterranee della Spagna e il freddo Atlantico, in un'Europa sempre più scossa dai venti di guerra. Seguendo una delle sue molte passioni, diventa aviatrice, decisa a usare l'abilità di pilotare gli aerei per consegnare pacchi e viveri quando le bombe cominciano a cadere. La sorella, dal canto suo, è rimasta a Parigi, dove ha sposato un potente politico. Due donne completamente diverse, legate non solo dal sangue, ma anche dal segreto di quello che è successo anni prima in quella stanza... E quando la guerra minaccerà di portare via ciò che hanno di più caro, entrambe dovranno trarre forza dal segreto che le unisce, e trovare il coraggio di ascoltare il legame del sangue per cercare finalmente la verità.

0 commenti

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.