Un pomeriggio a Saint Émilion


Saint Émilion è stata la nostra prima tappa come gita fuori porta di Bordeaux. Famosa per i suoi vigneti, fa parte del Patrimonio UNESCO dal 1999 per la sua chiesa monolitica è una chiesa romanica. Un borgo medievale delizioso, ottimo per combinare una gita culturale e un bicchiere di buon vino.

LEGGI ANCHE: COSA FARE E VEDERE A BORDEAUX

Un pomeriggio a Saint Émilion

Un po' di storia


Saint Émilion è un borgo medievale che nasce dietro la figura dell'omonimo santo. Émilion era famoso per i suoi miracoli e nel VII decise di intraprendere un viaggio di preghiera. Si ferma ad Ascumbas, antico nome di Saint Émilion, dove formò la prima comunità religiosa facendo diventare il paese in una grande città monastica che poi prese il suo nome.


Per anni i pellegrini si recarono a Saint Émilion per la preghiera e nacquero tutt'intorno al paese numerosi monasteri.Oggi Saint Émilion è meta principalmente per il vino, visti i numerosi vigneti che circondano il borgo.



Un pomeriggio a Saint Émilion

Come raggiungere Saint Émilion


Il modo più semplice e veloce per raggiungere il borgo è noleggiare un’auto. Questa è stata anche la nostra scelta, in quanto avevamo deciso di visitare altri luoghi nei dintorni di Bordeaux senza essere limitati da orari.


Da Bordeaux sono 43 km e in meno di 40 minuti si raggiunge Saint Émilion. Bisogna prendere A630 in direzione Avenue du Général de Gaulle/D670 a Libourne, prendendo l'uscita D670 verso Bergerac/La Réole/Castillon La Bataille. A questo punto si segue la D670 direzione Place de I'Eglise Monolithe a Saint-Émilion.

Se considerate solo una gita fuori Bordeaux, il bordo è raggiungibile anche via treno: dalla stazione centrale Saint Jean si può raggiungere Saint Émilion in 30 minuti al prezzo di 9,60€. Il centro del borgo si raggiunge tranquillamente a piedi in 25 minuti, ma potete optare anche per un tuk-tuk, una piccola navetta che con 6€ a/r vi porta dalla stazione al centro e viceversa, compatibilmente con gli orari dei treni.



Un pomeriggio a Saint Émilion

Cosa vedere


Il modo migliore per scoprire il paesino è perdesi nei suoi meravigliosi vicoli. Vi sembrerà di tornare indietro nel tempo, nel medioevo.


Non perdete la visita alla Chiesa Monolitica: secondo la leggenda, dopo la morte di Émilion, la popolazione iniziò a scavare delle catacombe e una chiesa in prossimità della grotta dove visse il santo per 17 anni. La Chiesa Monolitica è unica in Europa e in continua visita di pellegrini e fedeli. Il campanile è alto 53 metri ed è possibile salire in cima percorrendo 187 gradini da cui ammirare una vista sul borgo e i vigneti circostanti.


Un altro bel punto panoramico è alla Tour du Roy, una torre quadrata del XIII secolo, uno dei pochi luoghi romanici rimasti nel paesino. La torre diventa la vera protagonista in giugno e settembre per la festività Jurade.


Un tour che noi non siamo riusciti a fare ma che vi consiglio caldamente è quello dei Sotterranei, organizzato dall'ufficio del turismo di Saint Émilion. Sono 45 minuti di visita nel sottosuolo del borgo medievale, tra leggende e realtà, storia e segreti. Le visite sono disponibili in francese, inglese e spagnolo, per gli italiani vi è un documento con traduzione disponibile su richiesta.
Il tour costa 9€ intero, 7€ ridotto ed è gratuito per i bambini fino ai 10 anni. Per la prenotazione visitate il sito web.



Un pomeriggio a Saint Émilion
Ti è piaciuto l'articolo? Pinnalo!

 


0 Comments

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.