Un giorno a Pisa


Pisa è un'ottima idea per una gita domenicale non troppo impegnativa. La sua Piazza del Duomo è Patrimonio UNESCO dal 1987 ed è tra le mete preferite di turisti da tutto il mondo, grazie alla particolare e inimitabile torre pendente. Io ci ho passato una piacevolissima domenica e in questo post vi consiglio cosa vedere a Pisa in un giorno.


LEGGI ANCHE: UN WEEKEND A FIRENZE


Un giorno a Pisa

Piazza dei Miracoli



Il suo vero nome è Piazza del Duomo, ma da quando D'Annunzio la soprannominò Piazza dei Miracoli per le sue meraviglie, nessuno le poté più togliere questo nomignolo. La Piazza conserva i quattro monumenti più importanti della città: il Battistero, il Duomo, la Torre e il Camposanto.


Il Duomo

Dedicato a Santa Maria Assunta, fu fondata nel 1064 con un particolare stile di cromie di bianco e nero di matrice araba e un grande uso di materiali di ripiego provenienti da dei monumenti dell'età romana, per sottolineare la grandezza di Pisa, città marinara.


All'interno è formata da cinque navate, delimitate da file di colonne realizzate in granito dell'Isola d'Elba. Il soffitto della navata centrale è di legno e a cassettoni, il quale ricopre le volte a vista originarie. Il mosaico dell'abside fu realizzato nel 1300, probabilmente da Cimabue.



Il Battistero
Costruito nel 1153, è il più grande d'Italia per circonferenza, la quale supera il 107 metri. La costruzione viene attribuita a Diotisalvi, grazie anche all'iscrizione "Deotisalvi magister huius operis" posta su un pilastro. Lo stile è gotico; le tegole della cupola sono rosse verso il mare, mentre sono lastre di piombo al lato opposto. 


La fonte battesimale posta al centro del Battistero fu aggiunta nel 1300. L'interno appare spoglio: spiccano le 8 colonne monolitiche alternate a pilastri in marmo. 

 

La Torre

Simbolo della città, la sua storia ha conquistato il mondo intero. Fu costruita nel 1173, ma già dopo un secolo iniziò a pendere. Non fu costruita in difesa della città, ma come elemento santo della piazza: fungeva, infatti da campanile, scandendo il tempo umano e divino attraverso le sue sette campane.

 

Alta 58 metri, offre un'affascinante vista su tutta la piazza. La sua inclinazione è di 5.5° e per salire in cima bisogna percorrere 273 scalini. Non è la salita il problema, quanto il continuo cambio di pendenza: io per prima, appena ho messo piede dentro la torre ho avuto uno sbilanciamento, ho sentito la necessità di dovermi fissare al muro. Gli scalini dal lato della pendenza sono i più difficili da percorrere, al contrario del lato opposto. Di sicuro è un'esperienza di scalata unica.



Il Camposanto
Si tratta di un cimitero, circondato da una cinta muraria formata da 43 archi. Fu l'ultimo monumento a essere costruito nella piazza, realizzato nel 1277 per accogliere tutte le tombe che fino a quel momento erano state collocate attorno alla cattedrale. Fu l'Arcivescovo Federico Visconti a commissionarlo, indicando che sarebbe dovuto essere ampio e decoroso, dando vita a una delle più antiche architetture cristiane dedicate al culto dei morti.


Le pareti furono ricoperte di affreschi a partire dal 1300, ad opera degli artisti Francesco Traini e Bonamico Buffalmacco. I due rappresentarono scene di vita e di morte, oltre che a interpretazioni della Commedia di Dante. Dal Cinquecento, il Camposanto iniziò ad ospitare le tombe di personaggi illustri dell'ateneo di Pisa, oltre che a membri della famiglia dei Medici

L'entrata alla piazza è gratuita, come è gratuita la visita alla Cattedrale, ma richiede di munirsi del biglietto gratuito con orario. Poi si può scegliere se visitare 1, 2 o 3 monumenti tra Battistero, Camposanto e Museo dell'Opera del Duomo: i biglietti costano rispettivamente 5€, 7€, 8€. La Torre ha un prezzo a parte di 18€.

Un giorno a Pisa

Centro storico



Una delle piazze principali di Pisa è Piazza dei Cavalieri, un tempo Piazza delle Sette Vie. L'attuale nome gli fu attributo da Cosimo de Medici in onore dell'ordine militare dei Cavalieri di Santo Stefano. La statua di Cosimo è stata poi posizionata nella piazza.


La Piazza rappresentava il potere civile; oggi è un polo di attrazione culturale e sede centrale della scuola normale di Pisa. I principali monumenti sono stati decorati con affreschi dopo che Vasari ridisegnò la piazza.


La Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri fu costruita da Vasari nel 1565 in marmo, su un progetto di Giovanni de Medici del '500. Vasari costruì anche il Campanile, posto dietro la chiesa e poco visibile dalla piazza, realizzato nel 1572. All'interno della Chiesa sono custoditi numerosi affreschi raffiguranti Cavalieri.


Un altro importante edificio è il Palazzo dell'Orologio. Realizzato nel XVII secolo, è composto da due edifici separati dalla torre dell'orologio e il suo grande arco. Anche questo edificio è un progetto di Vasari del 1554. Dal 1566 divenne sede dell'infermeria dell'Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano; dagli anni '80 passò alla Scuola Normale di Pisa che lo adibì come biblioteca.


Un giorno a Pisa

I lungarni e il Tuttomondo


I Lungarni di Pisa sono un importante luogo di ritrovo per i giovani. Ospitano numerosi edifici medievali, come palazzi, ponti, torri, che nel corso del tempo hanno subito numerose trasformazioni.


Il Lungarno più famoso è quello dei Medici, il quale offre numerosi palazzi di proprietà della famiglia, come il Palazzo de Medici, Palazzo Toscanelli e la Chiesa di San Matteo in Soarta. Il Lungarno Gambacorti è quello più piccolo ed è famoso per la chiesa gotica di Santa Maria della Spina.


Il Tuttomondo, invece, è un murales del 1989 di Keith Haring che, di passaggio a Pisa, lasciò una sua traccia sulla facciata posteriore del convento dei Frati "Servi di Maria" della Chiesa di Sant'Antonio. Si tratta anche di una delle ultime opere dell'artista, in quanto morì poco tempo dopo.


Il murales ospita 30 personaggi, disposti come un puzzle, e ognuno rappresenta un aspetto di monto in pace: la maternità, con una madre e il suo bambino in fasce, la natura con un uomo che sorregge un delfino, e tanti altri.

La nostra giornata a Pisa termina qui.
Consiglierete altro da vedere in questa magnifica città?


Un giorno a Pisa
Ti è piaciuto l’articolo? Pinnalo!

 


0 Comments

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.