Zarina di Ellen Alpsten


Quando si parla della storia degli zar di Russia, si raccontano sempre le grandi opere di Pietro il Grande, Caterina la Grande, o le sventure del povero ultimo zar, rimasto alla memoria per la sua tragica sorte. Ma non bisogna dimenticare le figure che hanno fatto la differenza, nel loro piccolo. Che sono state di grande conforto gli imperatori di tutte le Russie, come per esempio Caterina I.

Caterina prima nasce come Marta Skavronska nell'attuale Lettonia, figlia illegittima di un contadino. Dopo avvenimenti poco chiari della sua infanzia, Marta scappa a Marienburg e viene assunta al servizio del pastore Ernst Gluck. A 17 viene data in sposa a un soldato svedese poco prima che inizi la guerra contro la Russia. La guerra sconvolge totalmente la vita di Marta: dopo la morte del marito, Marienburg viene assediata dai Russi e Marta fatta prigioniera nel campo dei soldati. Inizia a svolgere il ruolo di lavandaia, fino al generale Sheremetjev, il quale la prende nelle sue grazie.

Da qui, Marta inizia la sua ascesa. A notarla per primo fu il principe Menšikov, grande amico e braccio destro dello zar Pietro, che la volle con sé. E Pietro, dopo averla conosciuta a casa del principe, ne rimase incantato. Comincia così la loro storia d'amore, ricca di tenerezza, complicità e tradimenti.

Marta si convertirà all'ortodossia per Pietro e cambiò il suo nome in Caterina Alekseevna Mikhailova. Partorirà 13 volte per veder morire 11 figli. Soffrirà tantissimo ma sarà disposta a tutto per non perdere quello che si è guadagnata, incurante delle chiacchiere sulle sue origini. E avrà l'onore di essere incoronata come prima imperatrice di Russia, fino a diventare la prima regnante donna dell'Impero nel 1725.

Con il romanzo Zarina scritto da Ellen Alpsten si ripercorre tutta la vita di Caterina, dalla sua adolescenza a giorno della morte del marito Pietro, anche se gli avvenimenti della prima parte della vita di Marta e dei dialoghi sono invenzione della scrittrice. La scrittura è fluida, scorrevole e coinvolgente, anche per il fatto che la storia è narrata in prima persona da Caterina, sottolineandone i pensieri, i ragionamenti, tutto quello che le passava per la testa.

Caterina è stata una grande donna, forte e determinata, da cui bisognerebbe prendere ispirazione. Senza pensare alle sventure della sua infanzia, basti solo pensare alle tredici gravidanze da cui solo due figlie raggiunsero la maggiore età. Ha seppellito undici figli ed è riuscita ad andare avanti. Senza contare la sua determinazione nella sua ascesa sociale e la forza di mantenere la sua posizione. Lei e la sua dignità che non l'hanno mai fatta vacillare. Astuta e calcolatrice, era l'unica capace di tenere a bada i cambi d'umore del marito e si muoveva per compiacerlo, sapendo che un solo passo falso l'avrebbe portata in convento, come successe alla prima moglie di Pietro.

I romanzi storici sono il mio genere preferito, perché da una bella storia coinvolgente si può imparare molto sul contesto storico. Ellen Alpsten riesce perfettamente a far combaciare gli aspetti della vita della coppia con gli eventi storici: Pietro e Caterina erano spesso insieme nei campi di battaglia, rendendoti protagonisti delle numerose guerre condotte da Pietro per rendere la Russia grande, specialmente la Guerra del Nord contro la Svezia. Il fatto che si descrivesse nel libro passo dopo passo la nascita di San Pietroburgo mi ha fatto apprezzare il tutto ancora di più. Da sempre una delle città in cui sogno di andare, è stato affascinante e triste scoprire come fu ideata e realizzata.

Il libro è lungo e merita il suo tempo per essere letto, compreso e assimilato. Io ci ho messo quasi un mese a terminarlo, probabilmente è il mio record, ma va benissimo così. Questo libro è carico di dettagli, di avventure, di intrighi e di avvenimenti che leggendolo tutto in una volta porta il rischio di perderti qualcosa per strada. Va letto con calma, pezzo per pezzo: solo così potrai entrare nella stravagante vita dei Romanov di inizio 1700, sotto la guida del Grande imperatore di Russia.


Zarina di Ellen Alpsten
Traduttrice: Francesco Zago
Uscita: 22 Ottobre 2019
Genere: Romanzo Storico
Ambientazione: Russia (1700)
Pagine: 624
Prezzo: Cartaceo 14,45€* | eBook 9,99€*

Palazzo d’Inverno, febbraio 1725. Quando lo zar Pietro il Grande esala l’ultimo, travagliato respiro, sua moglie Caterina i è la regina astuta e seducente che tutti hanno imparato a temere e ad ammirare. La donna piena di risorse che ha profuso ogni sforzo pur di rimanere al fianco dell’imperatore; colei che più di ogni altra lo ha amato e odiato, aiutato e tradito, subìto e saputo domare. Ma nel passato di Caterina c’è molto di più. Figlia illegittima di un contadino della Livonia, prima che l’incontro con l’imperatore di Russia le cambiasse il nome e la vita, Caterina era Marta: sposa poco più che bambina di un soldato svedese, domestica al servizio di un pastore in Lettonia, salvata da un ufficiale dell’esercito russo, serva del principe Menšikov. Non c’è sopruso, violenza o barbarie che Marta non abbia provato sulla propria pelle e, adesso che lo zar è morto, l’ultima, decisiva battaglia la attende: quella per il potere. La parabola drammatica e trionfale di Caterina i di Russia rivive in un racconto storicamente accurato, trascinante, appassionato e appagante come solo la vita vera sa essere.


Prodotto fornito da DeA Planeta Libri
* Sostieni Storie di Beb! Acquistando il link al link consigliato, io riceverò un piccolo compenso senza nessuna spesa da parte tua.


2 commenti

  1. Mi piace la storia, e mi piace molto quella russa, leggerò il libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio che è il libro giusto per te! :D

      Elimina

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.