Gita a Berlino: cosa non potete perdere

by - settembre 17, 2019


Berlino è una di quelle città che bisogna vedere almeno una volta nella via. La capitale tedesca ne ha viste tante da quanto è stata fondata e i segni dei secoli sono più che evidenti per le strade berlinesi. Ma i tedeschi hanno trasformato la città rendendola super moderna con tutto il necessario per vivere bene. In più è una città super giovanile che offre tantissimi eventi e attività!

Mi è rimasta così tanto nel cuore che io l'ho visitata tre volte, e non vi nascondo che ci tornerei ancora! Ci sono luoghi che non potete perdere durante la vostra visita a Berlino, e vi dico quali:
  • La Brandenburger Tor

Il simbolo della città, un'enorme porta in stile neoclassico alta 26 e inaugurata nel 1791 come simbolo del trionfo della pace sulla guerra. Sulla sua cima sovrasta la quadriga che raffigura la Dea della Vittoria, creata successivamente nel 1794. Curiosità: nel 1807 Napoleone la fece trasportare a Parigi come bottino di guerra, ma poi fu rimessa al suo posto grazie ai Prussiani, i quali aggiunsero la croce di ferro alla corona. La quadriga attuale è una copia, perché l'originale è stata seriamente danneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale.

Durante la Guerra Fredda il muro fu costruito vicino alla Porta, che la incluse nella Berlino Est fino alla sua caduta, nel 1989. Da quel momento divenne il simbolo della democrazia della neonata Repubblica Democratica Tedesca.

  • East Side Gallery

Questa galleria sorge sui resti del Muro di Berlino. Il tratto è stato risparmiato dalla demolizione per ospitare la galleria a cielo aperto più grande del mondo. Essa, infatti, misura 1,3 chilometri di lunghezza e ospita graffiti che raffigurano la speranza per un futuro libero e migliore conservando la memoria di un momento così importante nella storia dell'umanità.

  • Checkpoint Charlie

Durante i 28 anni di Muro, il Checkpoint Charlie era il luogo in cui si poteva richiedere un visto giornaliero per passare dalla parte Est alla parte Ovest o viceversa. Dal 2001 è stato reinserito il cartello che avvisava di lasciare il settore americano e, al lato opposto, il settore sovietico.

Vicino si trova anche il Museo del Muro del Checkpoint Charlie, il quale racconta la vita del punto di passaggio. A lato del Checkpoint si trovano anche fotografie e documenti risalenti agli anni di Muro.

  • La Cattedrale di Berlino

La prima volta che andai a Berlino ero giovanissima e la vista della cattedrale mi incantò tantissimo. Un'edificio maestoso, incoronato da cupole azzurre e in stile neobarocco, che sovrasta la piazza e la Sprea al suo fianco.

Curiosità: lo sapete che è la chiesa non ha mai ospitato un vescovo cattolico? Essa, infatti, fu custruita nel 1894 sopra i resti di una chiesa barocca, anno in cui la Germania aveva abbracciato il Protestantesimo da più di due secoli.

La Chiesa fu distrutta da un bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale. I lavori di restauro partirono nel 1975, e terminarono solo nel 2002.

  • Le piazze principali
Alexanderplatz
Si tratta della piazza più famosa di Berlino. La riconoscerete perché ospita l'altissima Torre della Televisione su cui è anche possibile salire e vedere la città a 360°!


Postdamer Platz
La piazza è una delle piazze più frequentate di Berlino. Fu distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale e divisa in due dal Muro di Berlino, di cui ancora si possono vedere i segni sulla pavimentazione.

Curiosità: nella piazza si trova il più vecchio semaforo della città, costruito nel 1924.

  • Il Parlamento tedesco

Il Reichstag è un antico edificio costruito secondo lo stile neoclassico che ospita il Parlamento Tedesco. La cupola di vetro è stata aggiunta come elemento simbolico che indica il luogo come il centro della democrazia parlamentare: essendo costruita in vetro, trasmette trasparenza al popolo, che può verificare che le questioni parlamentari siano gestite chiaramente.

Consiglio per la visita al Parlamento: prenotate con largo anticipo e non dimenticate di seguire i passaggi richiesti! Per prenotare la visita visitate il sito ufficiale.

  • Roten Rathaus
Il "municipio rosso", che deve il suo nome al colore del materiale utilizzato per la sua costruzione: mattoni rossi.

Il palazzo è stato danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale, ma prontamente ricostruito nel primi anni del Dopoguerra. Successivamente al suo interno si riuniva il consiglio di Berlino Est. Dal 1991 il Roten Rathaus è tornato a essere la sede del governo cittadino e anche attualmente vi ci lavora il Sindaco della città.

  • Monumento all'Olocausto

Il nome completo sarebbe "Monumento commemorativo degli Ebrei assassinati in Europa". Costruito tra il 2003 e il 2005, presenta 2711 blocchi di cemento di diverse grandezze realizzati in onore degli Ebrei morti durante l'Olocausto.

Al centro del memoriale si trova il museo, costruito sotto la piazza, raggiungibile dalle diverse vie create dai blocchi di marmo. 

  • L'Isola dei Musei
Berlino ospita numerosissimi e importantissimi musei, uno più bello dell'altro. Scegliere quale visitare è difficile, ma per non passare la vacanza dentro le mura purtroppo è necessario. I principali si trovano nella famosa Isola dei Musei, un'isola della Sprea, che prende proprio il nome dal fatto che al suo interno sono presenti i musei di importanza internazionale.

I musei che consiglio io:

Il museo di Pergamo
Il museo più visitato di Berlino, ospita reperti provenienti dal Medio Oriente e dall'Arte Islamica. 

Al suo interno sono presenti reperti di enorme importanza, come l'Altare di Pergamo (da cui il museo prende il nome) e la Porta di Astarté dell'antica Babilonia.


Neues Museum
Maggiormente conosciuto come il Museo Egizio di Berlino, ospita anche una collezione di manufatti che vanno dall'Età della Pietra all'Età del Bronzo, fino all'Età dell'Oro.

Al suo interno si trova il famoso busto di Nefertiti, che da solo vale la visita.

Altes Museum
Il museo è dedicato principalmente all'Antica Grecia, esponendo l'Arte Classica comprendente statue di bronzo, sculture di pietra, oggetti e gioielli, fino anche a reperti di origine Romana, come il busto di Cesare.

Al suo interno troverete anche L'Ebe, la scultura realizzata da Canova nel 1830. Si tratta della quarta copia che lo scultore regalò al re prussiano Federico Guglielmo III.

Vecchia Galleria Nazionale
Per gli amanti dell'arte questa è una meraviglia. Purtroppo non ho ancora avuto il piacere di visitarla, ma sarà sicuramente una tappa quanto tornerò nella capitale tedesca.

La pinacoteca ospita 1500 dipinti, tra cui alcuni di Botticelli, Giotto, Raffaello, Vermeer, Rembrandt e tanti altri.

Altri musei:
  • DDR Museum, il quale parla della Repubblica Democratica Tedesca
  • Bode Museum, museo di arte bizantina, che ospita anche una collezione di monete e medaglie
  • Museo Ebraico, il più grande d'Europa, racconta la vita degli ebrei in Germania
  • Topografia del terrore, a testimonianza degli orrori dell'Olocausto
  • Museo della Stasi, incentrato sulla storia dell'organizzazione
  • Museo di Storia Tedesca, racconta la storia della Germania dal 100 a.C. ai giorni nostri
  • Museo Tedesco della Tecnologia, vi porta in un viaggio nella tecnologia, tra aerei, treni ed esperimenti
  • Hambirger Banhof, il museo di arte contemporanea

Booking.com


Piccoli consigli
Berlino è un gioiello ed è uno spettacolo da vedere camminando! Ciò non toglie che dispone di un'ottima metropolitana che potete utilizzare quando dovete raggiungere i luoghi più lontani.

Nel caso scegliate di utilizzare i mezzi di trasposto vi consiglio di fare la Berlin Welcome Card, che vi permetterà di viaggiare sui mezzi gratuitamente. Non solo: in base al tipo di carta che comprerete avrete sconti in diverse attrazioni oltre a una piantina della città insieme a una guida.



You May Also Like

2 commenti

  1. Mi è piaciuto leggere questo post ed è stato come un po' viaggiare per Berlino...grazie. Buona domenica.

    RispondiElimina

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.