Non solo Malmö: il mio tour per la Scania, Svezia

by - aprile 21, 2019


Quest'anno ho avuto la fortuna di esplorare molto la Svezia, specialmente le tre città principali e alcuni luoghi della contea di Scania. Ovviamente sogno di tornarci e andare questa volta al nord, nella Lapponia, a vedere le alci, le renne e, soprattutto, l'aurora boreale. Sono sempre stata molto affascinata dai paesi nordici e iniziare a esplorarli è stato stupendo. La Svezia mi rimarrà sempre nel cuore.

La mia fortuna è stata avere un appoggio nei pressi di Malmö, precisamente a Höllviken, una località a sud-est, famosa in Svezia come località turistica grazie alle sue spiagge sabbiose e di alcuni siti storici che risalgono all'epoca vichinga. A Höllviken risiede, infatti, il Viking Museum (Fotevikens Museum), un museo a cielo aperto che ricostruisce un vero villaggio vichingo. Essendo all'aperto, è visitabile solo nel periodo estivo,quindi non ho avuto il piacere di passeggiare e vivere la vita vichinga, ma ve lo consiglio.

La mia passeggiata al Sud della Svezia
In un pomeriggio abbiamo preso l'autobus e siamo andate a Smygehuk, a Smygeham. In poche parole, il punto più a sud della Svezia. Già dalle ricerche che ho fatto su internet prima di partire, avevo capito non fosse un posto molto turistico. Casette chiuse, non essendo ancora periodo estivo, un piccolo porto e aperta campagna. Devo dire che comunque è stato molto affascinante. A parte il fatto che la spiaggia è naturalistica, quindi ben diversa da quelle di cui siamo abituati in Italia, poi sulla spiaggia si può notare la presenta di moltissimi enormi bunker, probabilmente della Seconda Guerra Mondiale. Ovviamente sono tutti chiusi e ormai diventati un tutt'uno con la natura. L'erba li ha ingl
obati, sono diventate piccole collinette ottime per prendere il sole (giuro, c'era gente che lo faceva).

Un'altra cosa bella che abbiamo scoperto è a proposito della statua che ti accoglie all'entrata del porto. La statua, realizzata dallo scultore Alex Ebbe, si chiama Famntaget e rappresenta Birgit Holmquist, la nonna di Uma Turman.
Comunque, d'estate deve essere un vero gioiello, quindi consiglio una visita!

Il bello delle casualità
Una cosa interessante e incredibile però mi è capitata. Poco distante dal porto di Smygehuk c'è un piccolo insediamento nel quale sorge un faro. Un faro piccolissimo, tutto bianco, ma che si affaccia sulla baia. Nella nostra curiosità ci avventuriamo, la signora che ci accoglie è cortese e ci saluta invitandoci a curiosare. Noi ci buttiamo dentro al faro, non avendone mai visto uno dentro. Con grande sorpresa scopriamo che è possibile salirci e
mai farsi perdere le occasioni. Certo, era un faro piccolo, affacciato su una baia piccola, ma la vista del Mar Baltico dall'alto è davvero unica. Amo vedere i paesaggi dall'alto, sono rimasta lì mezz'ora a guardare le onde infrangersi. Mi vengono ancora i brividi a pensarci.

Trelleborg
Questa viene considerata la città più meridionale della Svezia. La nostra è stata una breve tappa a metà strada dal ritorno da Smygehuk a Höllviken. Devo dire che è una città deliziosa, con le sue casette colorate, i vari negozietti. I punti di interesse sono vari, ma il nostro tempo era minimo. Ma io vi consiglio: Trelleborgen, la ricostruzione di una fortezza dell'anno mille, il City Park e il Tegelberga Golfbana ch
e, oltre a una simpatica partita a golf, regala ottimi panorami immersi nella natura.

In bicicletta fino a Skanör
Da Höllviken, ci siamo munite di biciclette e siamo partite alla volta di Skanör, una spiaggia poco distante. I due paesi sono ben collegati dalla pista ciclabile che, inizialmente, costeggia la baia di Höllviken e offre un'ottima visuale sul mar Öresund, con tanto di ponte omonimo. Lungo questo pezzo incontrerete numerosissime statue dello scultore svedese Gudmar Olovson che rappresentano vari temi della vita umana. Successivamente si entra in boschetto davvero suggestivo. Appena entri nel vivo della natura, i classici rumori da città si spengono. Non si sento macchine, clacson, motori. Nulla, solo natura. Un momento magico. Il sentiero del bosco vi farà arrivare dritti a Skanör, località rinomata dagli svedesi per il turismo balneare, nonché la spiaggia più bella quindi più trafficata.

Quando siamo andate noi era aprile, ancora deserta. Questo ci ha permesso di goderci appieno la nostra mattinata in riva al mar Baltico. Anche questa è una spiaggia molto lontana dal tipo di spiagge a cui siamo abituati noi. Completamente al naturale, è presente una duna fissa con tanto di vegetazione. La sabbia è grigio chiaro e sottilissima. E l'acqua, per quanto fredda, è cristallina. Un paesaggio stupendo. È stato difficile andare via, ma un altro viaggio ci aspettava. Questa però è un'altra storia.



Leggi anche Cosa ti consiglio della Svezia: Stoccolma e Malmo

You May Also Like

2 commenti

  1. Ciao :)
    Quanto mi piacerebbe andare in Svezia *_* è una delle mie mete da sogno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu riesca ad andare presto! E' un paese meraviglioso e c'è un sacco da vedere :D

      Elimina

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.